FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

Richiesta documenti dai comuni per accesso disabili in ZTL

Vigili Urbani, Polizia Municipale e Stradale e Ausiliari del Traffico: chi può multare chi e che cosa? Contestazione immediata o differita. Notifica: Tempi e formalità. Pagamento in forma ridotta. Ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto. Autovelox: accertamento senza contestazione immediata, taratura, omologazione. Accessi vietati in ZTL e Telecamere. Patente a punti. Sanzione per rifiuto o omessa indicazione delle generalità del conduttore.

Richiesta documenti dai comuni per accesso disabili in ZTL

Messaggioda airfly » sab 17 set 2011, 15:39

Salve, sono (sfortunatamente) disabile, ed ho il contrassegno disabili del Comune di Roma, rilasciatomi senza scadenza.
Vorrei sapere se sia lecito che i vari Comuni, se entro con un veicolo al mio servizio in zona ZTL con sistema automatico di rilavamento targhe, possano richiedermi di inviare (di solito entro 24/48 ore) un fax, cosa che mi è difficile e comunque ha un costo, con i miei dati, la fotocopia fronte/retro del contrassegno, copia di un documento eccetera, TUTTE le volte che effettuo il transito, credo proprio che sia una cosa illegale, perchè questi accessi sono espressamente autorizzati da un DPR, che non parla affatto di queste richieste e che credo sia legalmente superiore a qualsiasi disposizione comunale.
Non credo che debba essere a carico di persone che hanno già dei problemi di salute spesso gravissimi, doversi impegnare per produrre una documentazione che comunque, per aver rilasciato il contrassegno, è già in possesso di una amministrazione pubblica, se non mi ricordo male la legge Bassanini prevedeva proprio questo.
Il fatto è che se il fax non viene inviato arriva di sicuro una multa magari alla persona che ti ha gentilmente accompagnato con la sua auto.
Grazie per l'interessamento

Giovanni
airfly
Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: sab 17 set 2011, 15:22

Re: Richiesta documenti dai comuni per accesso disabili in Z

Messaggioda maigret » mer 22 feb 2012, 9:23

Gentile consumatore,
la norma da Lei richiamata è l'art. 381. del D.p.r.495/1992 (regolamento di esecuzione ed attuazione del codice della strada)
""Strutture e segnaletica per la mobilità delle persone invalide.

1. Ai fini di cui all'articolo 188, comma 1, del codice, gli enti proprietari della strada devono allestire e mantenere funzionali ed efficienti tutte le strutture per consentire ed agevolare la mobilità delle persone invalide.

2. Per la circolazione e la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta, il sindaco rilascia apposita autorizzazione in deroga, previo specifico accertamento sanitario. L'autorizzazione è resa nota mediante l'apposito «contrassegno invalidi» di cui alla figura V.4. Il contrassegno è strettamente personale, non è vincolato ad uno specifico veicolo ed ha valore su tutto il territorio nazionale. L'indicazione delle strutture di cui al comma 1 deve essere resa nota mediante il segnale di «simbolo di accessibilità» di cui alla figura V.5.

3. Per il rilascio della autorizzazione di cui al comma 2, l'interessato deve presentare domanda al sindaco del comune di residenza, nella quale, oltre a dichiarare sotto la propria responsabilità i dati personali e gli elementi oggettivi che giustificano la richiesta, deve presentare la certificazione medica rilasciata dall'ufficio medico-legale dell'Unità Sanitaria Locale di appartenenza, dalla quale risulta che nella visita medica è stato espressamente accertato che la persona per la quale viene chiesta l'autorizzazione ha effettiva capacità di deambulazione sensibilmente ridotta. L'autorizzazione ha validità 5 anni. Il rinnovo avviene con la presentazione del certificato del medico curante che confermi il persistere delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo al rilascio. Conservano la loro validità le autorizzazioni e i corrispondenti «contrassegni invalidi» già rilasciati. All'atto del rinnovo, il contrassegno dovrà essere adeguato alle presenti norme.

4. Per le persone invalide a tempo determinato in conseguenza di infortunio o per altre cause patologiche, l'autorizzazione può essere rilasciata a tempo determinato con le stesse modalità di cui al comma 3. In tal caso, la relativa certificazione medica deve specificare il presumibile periodo di durata della invalidità. [Anche le autorizzazioni temporanee possono essere rinnovate così come previsto dal comma 3.]

5. Nei casi in cui ricorrono particolari condizioni di invalidità della persona interessata, il sindaco può, con propria ordinanza, assegnare a titolo gratuito un adeguato spazio di sosta individuato da apposita segnaletica indicante gli estremi del «contrassegno invalidi» del soggetto autorizzato ad usufruirne (fig. II.79/a). Tale agevolazione può essere concessa nelle zone ad alta densità di traffico, dietro specifica richiesta da parte del detentore del «contrassegno invalidi». Questi deve, di norma, essere abilitato alla guida e deve disporre di un autoveicolo.

6. Gli schemi delle strutture e le modalità di segnalamento delle stesse, nonché le modalità di apposizione della segnaletica necessaria e quant'altro utile alla realizzazione delle opere indicate nel comma 1, sono determinati con apposito disciplinare tecnico, approvato dal Ministro dei lavori pubblici sentito il Ministro della sanità.""

Effettivamente la norma prevede la validità del permesso a tutto il territorio nazionale ma non disciplina (come forse avrebbe potuto/dovuto fare) un archivio nazionale al quale tutti i comuni dovrebbero registrare i permessi ed altresì attingere per la verifica degli stessi.
Al momento, non esistendo nulla del genere, la verifica non sembra possibile che a posteriori con tutte le conseguenze ed i disagi che, comprensibilmente, Lei lamenta.
Sulla questione che ci auguriamo di poter approfondire, segnaliamo due interessanti notizie:
http://www.altalex.com/index.php?idnot=35033
http://www.uildmve.it/index.php?option= ... Itemid=215.
Cordiali saluti.
Avvocato Codacons Torino: C.so G. Matteotti, 57 - 10121 - Tel. e Fax 0115069219

www.codacons.piemonte.it
Avatar utente
maigret
Avv. Codacons
 
Messaggi: 654
Iscritto il: ven 2 dic 2005, 14:28
Località: Torino


Torna a Multe Codice della Strada

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite