FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

Annullamento Viaggio e rimborso

Pacchetto Turistico, Forma ed Elementi necessari del Contratto, Informazioni al consumatore. Cataloghi, Opuscoli ecc. Modifiche del contratto da parte dell’Organizzatore.Prescrizioni e diritti del Consumatore. Annullamento del contratto. Recesso. Responsabilità per inesatto o mancato inadempimento del contratto. Danni alla persona. Danno da ‘vacanza rovinata’ Reclamo. Prescrizione. Conciliazioni presso le CCA di Torino. Assicurazione. Fallimento o Insolvenza del Tour Operator: Fondo di Garanzia.

Annullamento Viaggio e rimborso

Messaggioda saratoma » gio 17 set 2009, 21:08

Spettabile Codacons,
chiedo aiuto alla vostra associazione per il seguente problema:
Nel mese di maggio di quest’anno mi sarei dovuta sposare. Con il mio compagno avevamo prenotato come viaggio di nozze una crociera MSC con un’agenzia di viaggi.Purtroppo ad aprile mia madre è mancata per un tumore ai polmoni diagnosticato un anno prima, lasciando tutti noi in una grande sofferenza che ancora oggi stenta ad andarsene.
Avremmo voluto annullare il viaggio già all’inizio di aprile, quando, secondo il regolamento delle crociere MSC , ci avrebbero applicato una penale del 25% sul costo totale della crociera, ma il personale dell’agenzia di viaggi ci ha consigliato di aspettare e, qualche giorno prima della data di partenza, presentare un certificato medico che attestasse l’impossibilità di uno di noi due a partire per qualche malattia (anche semplice influenza).
Questo ci avrebbe permesso di recuperare l’intero importo da noi versato (tasse e assicurazione escluse) quindi, fidandoci, abbiamo accettato questa soluzione.L’agenzia ci ha contattati una decina di giorni prima per poter avere il certificato medico da inviare all’assicurazione (Europe Assistance della MSC) dal momento che aveva già aperto la pratica con quest’ultima.
La mia dottoressa, giustamente, non ha potuto certificare nessun disturbo fisico che durasse per così tanti giorni (appunto dieci, e non due o tre come ci avevano detto all’inizio) senza rischiare di avere seri problemi se avessero fatto dei controlli, quindi ha scritto sul certificato che ero affetta da malattie mentali, quali agorafobia, attacchi di panico e ansia.Il personale dell’agenzia di viaggi ha quindi preso in visione e in carico il certificato, assicurandomi che sarebbe andato bene e l’ha inoltrato alla Europe Assistance.
Circa un mese dopo, l’agenzia di viaggi mi ha telefonato dicendomi che la Europe Assistance non aveva accettato il mio certificato medico, dal momento che le malattie mentali, secondo il regolamento, non sono contemplate per il risarcimento. Peccato che il personale dell’agenzia di viaggi non avesse letto bene il regolamento!Comunque mi è stato detto di non preoccuparmi perché in qualche modo, anche attraverso l’assicurazione dell’agenzia stessa, sarebbero riusciti a risarcirmi quasi tutta la somma.
Il passo successivo è stato quello di inviare alla Europe Assistance il certificato di morte di mia madre, però secondo l’assicurazione questo è stato fatto troppo tardi (più di un mese dopo).
Ci hanno quindi inviato un risarcimento pari a circa il 30% del costo totale del viaggio con una lettera di accompagnamento dove si sottolineava che ci è stato fatto un “favore” perché secondo loro nulla era dovuto.
Inoltre l’agenzia di viaggi non vuole utilizzare la propria assicurazione perché a loro dire sono dei “pasticcioni” e non si verrebbe a capo di nulla.
L’agenzia dice che a questo punto non sa come aiutarci a parte un eventuale “sconto” se decidiamo di usufruire ancora dei loro servizi.
A questo punto chiedo:
E’ giusto che dobbiamo rimetterci noi per errori fatti da altri? Possiamo rivalerci su qualcuno (Agenzia o MSC Crociere)?
Crede che se prendiamo un appuntamento per una consulenza legale con la vostra associazione, il nostro caso possa avere qualche speranza?
Non sappiamo come procedere … prima il danno e poi la beffa! Ci sentiamo presi in giro e non ci sembra giusto che si debba guadagnare sulle disgrazie altrui!
Grazie per la vostra attenzione.

Cordiali Saluti
Sara Tomassone
saratoma
Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 17 set 2009, 21:02

Torna a Viaggi organizzati

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite