FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

diritto di recesso dalla stipula contratto servizi TLC

Campo di applicazione, Esclusioni, Informazioni sul Diritto di recesso, Effetti, termini e Condizioni, Offerte Televisive.

diritto di recesso dalla stipula contratto servizi TLC

Messaggioda Enrico P. » gio 19 nov 2015, 1:34

buongiorno

espongo la mia esperienza in merito una problematica che, navigando in rete, ho scoperto coinvolge un gran numero di consumatori;

ho sottoscritto con NGI spa da remoto mediante il loro sito web (e quindi al di fuori della sede del fornitore del bene/servizio), una connessione Internet tipo Eolo, il cui contratto prevede l’esercizio del diritto di recesso entro 10gg dalla data di sottoscrizione del contratto stesso e non dall'inizio dell'erogazione del servizio, che è palesemente un controsenso!

Siccome l’installazione dell’antenna in comodato d’uso è avvenuta dopo i fatidici 10 giorni dalla stipula telematica del contratto, o sarebbe meglio dire dalla mia prenotazione di attivazione del servizio, a stretti termini contrattuali mi trovo di fatto impossibilitato ad esercitare il recesso, rimanendo con la sola alternativa di chiedere un "recesso anticipato" soggetto a pesanti penali.

Che possibilità ho ho in di ottenere l'applicazione dei termini del diritto di recesso previsti dalla Legge solo dal momento in cui inizia l'effettiva decorrenza del periodo contrattuale, cioè il momento in cui è stato effettivamente attivato il servizio?

La fornitura e attivazione dell’attrezzatura (apparato radio CPE) in comodato d’uso è equiparabile alla consegna di merce, su cui la legge parla chiaro in merito alla decorrenza dei termini di recesso, oppure rimaniamo nel campo teorico del servizio puro vincolato alla data di stipula del contratto?

Cavilli legali a parte, il buon senso dice che richiedendo un servizio on-line, si esprime una semplice dichiarazione di intenti tra le parti di perfezionare un contratto, che andrà effettivamente a decorrere dal momento in cui inizia l’erogazione del servizio stesso, momento in cui per altro ho apposto per la prima volta la mia firma su un pezzo di carta e in cui ha avuto inizio la fatturazione dei canoni.

Ho fatto presente il mio caso perché in realtà questa clausola vessatoria viene applicata su larga scala praticamente da tutti gli operatori di TLC o utility di altro genere, ponendo il consumatore nella posizione di soggetto debole, che come tale spesso spaventato si rassegna e paga, ma per fortuna c’è anche qualcuno come me (e spero sempre più molti altri), che si rifiuta tassativamente di subire soprusi, a costo di portare la controversia in sede giudiziaria, in cui sfido qualsiasi magistrato a dimostrare che ho fruito del un servizio fintanto che non è stato fisicamente fornito!

grazie per l'attenzione
- Enrico P.
Enrico P.
Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 19 nov 2015, 1:21

Torna a Contratti fuori dai locali commerciali - Diritto di recesso

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite