FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

FORD FIESTA NUOVA GUASTA

Conformità, Riparazione, Sostituzione, Risoluzione Del Contratto, Onere Probatorio, Beni Usati, Garanzia Contrattuale di Buon funzionamento, Garanzia del Produttore.

FORD FIESTA NUOVA GUASTA

Messaggioda giorgio.maty » gio 13 gen 2011, 17:19

Buon giorno,
Vorrei avere un informazione su un problema che sto avendo con la mia Ford Fiesta aquistata a Maggio 2010.
Dal 10/12/2010 è in riparazione in Officina Ford, ma ad oggi non è ancora arrivato il pezzo di ricambio.
In sostituzione mi hanno dato una macchina a noleggio.
Visto che dopo un mese non vedo uscita da questa situazione e mi sembra assurdo che dopo 6 mesi la macchina si è rotta e non riescono a ripararla, volevo chiedere se potevo richiedere con ragione la sostituzione della Macchina con una Nuova!
Grazie
Distinti Saluti
giorgio.maty
Utente
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 4 dic 2007, 16:11

Re: FORD FIESTA NUOVA GUASTA

Messaggioda maigret » mer 26 gen 2011, 11:48

Gentile consumatore,
gli artt. 128 e ss. del codice del consumo impongono al venditore di garantire per due anni la conformità del bene di consumo provvedendo alla sua riparazione o alla sua sostituzione quando la riparazione non è possibile; il consumatore da parte sua deve denunciare i difetti entro due mesi dalla scoperta (difetti che si presumono esistenti alla data di consegna se si manifestano entro sei mesi dalla stessa; oltre tale termine l'onere probatorio è a carico del consumatore). Oltre a questa garanzia (legale) cui è tenuto il venditore vi è poi spesso una garanzia ulteriore (convenzionale) offerta dal produttore e prestata alle condizioni stabilite dallo stesso che comunque non possono limitare i diritti previsti dalla garanzia legale.

Nel Suo caso, in particolare, trova applicazione la disciplina dettata dall'art. 130 codice del consumo che dispone:
""Art. 130. (1)
Diritti del consumatore

1. Il venditore e' responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformita' esistente al momento della consegna del bene.
2. In caso di difetto di conformita', il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformita' del bene mediante riparazione o sostituzione, a norma dei commi 3, 4, 5 e 6, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi 7, 8 e 9.
3. Il consumatore puo' chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all'altro.
4. Ai fini di cui al comma 3 e' da considerare eccessivamente oneroso uno dei due rimedi se impone al venditore spese irragionevoli in confronto all'altro, tenendo conto:
a) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse difetto di conformita';
b) dell'entita' del difetto di conformita';
c) dell'eventualita' che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore.
5. Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo tennine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene.
6. Le spese di cui ai commi 2 e 3 si riferiscono ai costi indispensabili per rendere conformi i beni, in particolare modo con riferimento alle spese effettuate per la spedizione, per la mano d'opera e per i materiali.
7. Il consumatore puo' richiedere, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto ove ricorra una delle seguenti situazioni:
a) la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose;
b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo di cui al comma 5;
c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore.
8. Nel determinare l'importo della riduzione o la somma da restituire si tiene conto dell'uso del bene.
9. Dopo la denuncia del difetto di conformita', il venditore puo' offrire al consumatore qualsiasi altro rimedio disponibile, con i seguenti effetti:
a) qualora il consumatore abbia gia' richiesto uno specifico rimedio, il venditore resta obbligato ad attuarlo, con le necessarie conseguenze in ordine alla decorrenza del termine congruo di cui al comma 5, salvo accettazione da parte del consumatore del rimedio alternativo proposto;
b) qualora il consumatore non abbia gia' richiesto uno specifico rimedio, il consumatore deve accettare la proposta o respingerla scegliendo un altro rimedio ai sensi del presente articolo.
10. Un difetto di conformita' di lieve entita' per il quale non e' stato possibile o e' eccessivamente oneroso esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, non da' diritto alla risoluzione del contratto.""

Sulla scorta di tale norma, pertanto, il consumatore ha diritto alla sostituzione soltanto quando questo rimedio non sia, per il venditore, eccessivamente oneroso rispetto alla riparazione; le riparazioni, tuttavia, devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta (termine che la legge non indica) e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene.
Nel Suo caso non ci è dato sapere se l'officina cui si è rivolto coincide con il venditore o se l'intervento dell'assistenza è avvenuto a seguito di Sua denuncia al venditore (quindi invocando la garanzia legale) o di richiesta al produttore (quindi avvalendosi della garanzia convenzionale).
In ogni caso Le suggeriamo di inoltrare una lettera raccomanda a.r. tanto al venditore quanto al produttore (avendo cura, nel caso Lei non avesse già in precedenza denunciato il difetto al venditore, di precisare che gli interventi dell'assistenza sono stati da Lei richiesti su espressa indicazione del venditore), invitando entrambi a provvedere alla riparazione entro dieci giorni o in difetto di ciò alla sostituzione del bene.
La informiamo, infine, che, laddove interessato, il nostro servizio di consulenza giuridica, riservato ai soci, potrà seguire la pratica per sollecitare una soluzione amichevole. Se lo riterrà opportuno potrà contattare la nostra sede di Torino per conoscere termini e modalità dell'adesione all'associazione.
Cordiali saluti.
Avvocato Codacons Torino: C.so G. Matteotti, 57 - 10121 - Tel. e Fax 0115069219

www.codacons.piemonte.it
Avatar utente
maigret
Avv. Codacons
 
Messaggi: 654
Iscritto il: ven 2 dic 2005, 14:28
Località: Torino


Torna a Garanzia del venditore per i vizi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite