FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

decesso dell'assicurato contraente e periodo residuo di cope

Bonus Malus, Certificati di assicurazione, Concorso di colpa, Constatazione Amichevole e Convenzione di Indennizzo Diretto (C.I.D.), Decorrenza, Decadenza e Disdetta, Fondo di Garanzia per le Vittime della strada, Massimari e Franchigie, Premi, Cartelli di Imprese e Multe Antitrust.

decesso dell'assicurato contraente e periodo residuo di cope

Messaggioda antoniovibo » gio 27 gen 2011, 23:05

Vorrei porre qualche quesito per chi sarà in grado di dare una corretta risposta:
Se l'assicurato contraente di una polizza rc auto muore prima della scadenza del contratto e l'autovettura viene venduta dagli eredi ad un soggetto terzo, ora nuovo proprietario dell'auto, quest'ultimo può circolare continuando a mantenere la polizza del defunto fino alla sua naturale scadenza senza apportare ad essa alcuna variazione?

L'eventuale differenza di premio che avrebbe dovuto pagare il nuovo proprietario, qualora avesse stipulato a suo nome il contratto assicurativo, potrebbe in caso di sinistro pagato far valere il diritto di rivalsa da parte della compagnia di assicurazione?

...Ed in cosa consisterebbe tale diritto di rivalsa? ...in una richiesta di integrazione del premio non pagato oppure in una richiesta di risarcimento dell'importo pagato quale risarcimento del danno?

e, per chiudere, nei confronti di chi dovrebbe essere esercitato tale diritto? Nei confronti del nuovo conducente proprietario dell'auto o nei confronti degli eredi del defunto contraente?
Ringrazio per risposte che riceverò
Antoniovibo
antoniovibo
Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 27 gen 2011, 22:34
Località: vibo valentia

Re: decesso dell'assicurato contraente e periodo residuo di

Messaggioda enigmaticus » ven 28 gen 2011, 12:35

Non voglio sostituirmi agli avvocati CODACONS, ma questa ipotesi l'avevo prospettata tempo fa alla mia assicurazione. Vendere (per modo di dire) la mia precedente auto a mio figlio continuando ad essere io titolare della RC.
Non è possibile in quanto l'intestario della RCA deve essere il proprietario del veicolo a meno che l'auto non sia intestata ad una società e quindi con possibilità di essere guidata dai dipendenti.
Se avete venduto l'auto, vi conviene chiudere il contratto assicurativo RCA e penso che per i mesi che mancano alla scadenza, la società assicuratrice, rimborsa il premio residuo.
Mettendo il caso che, chi ha acquistato la vostra auto mantendo la polizza del defunto, ha un incidente stradale, la società assicuratrice può pretendere da voi i danni arrecati a terzi.
Leggi qua: (questo il link http://www.studiocataldi.it/guida_assic ... tative.asp
Clausola di esclusione e diritto di rivalsa
Anche la clausola di esclusione rappresenta una limitazione contrattuale sulla copertura da parte dell'assicurazione in caso di incidente.

Con le clausole di esclusione, infatti, l'assicuratore elenca tutti i casi in cui la compagnia non garantisce il risarcimento dei danni causati. In realtà, la compagnia assicurativa è comunque tenuta ad indennizzare le terze parti coinvolte in un eventuale sinistro, ma potrebbe avvalersi del diritto di rivalsa sull'assicurato, che, in questo caso, sarebbe obbligato a restituire una parte o l'intero ammontare della somma pagata dell'assicurazione a copertura dei danneggiamenti.

Riportiamo qualche caso di esclusione, solitamente, proposto dalle compagnie: guida senza patente, con patente scaduta, con revisione non valida, in stato di ebrezza, sotto effetto di sostanze stupefacenti, di veicoli con motori truccati, di veicoli con pneumatici non omologati; ed ancora: guida di un conducente diverso da quello indicato a contratto, di un conducente con età inferiore a quella prestabilita da contratto, ecc."
Ti consiglio di leggere anche questo link http://www.assicurazione.it/rinuncia-alla-rivalsa.html
Saluti
Avatar utente
enigmaticus
Utente
 
Messaggi: 59
Iscritto il: sab 11 apr 2009, 11:20
Località: Torino

Re: decesso dell'assicurato contraente e periodo residuo di

Messaggioda maigret » lun 31 gen 2011, 12:34

Gentile consumatore,
riportiamo di seguito l'articolo del codice delle assicurazioni che disciplina il caso da Lei sollevato:
Art. 171.
(Trasferimento di proprietà del veicolo o del natante)
1. Il trasferimento di proprietà del veicolo o del natante determina, a scelta irrevocabile dell’alienante, uno dei seguenti effetti:
a) la risoluzione del contratto a far data dal perfezionamento del trasferimento di proprietà, con diritto al rimborso del rateo di premio relativo al residuo periodo di assicurazione al netto dell’imposta pagata e del contributo obbligatorio di cui all’articolo 334;
b) la cessione del contratto di assicurazione all’acquirente;
c) la sostituzione del contratto per l’assicurazione di altro veicolo o, rispettivamente, di un altro natante di sua proprietà, previo l'eventuale conguaglio del premio.
2. Eseguito il trasferimento di proprietà, l’alienante informa contestualmente l’impresa di assicurazione e l’acquirente se, insieme al veicolo, viene ceduto il contratto di assicurazione.
3. La garanzia è valida per il nuovo veicolo o natante dalla data del rilascio del nuovo certificato e, ove occorra, del nuovo contrassegno relativo al veicolo o al natante secondo le modalità previste dal regolamento adottato, su proposta dell’ISVAP, dal Ministro delle attività produttive.

L'alienante, quindi, dovrebbe dare comunicazione alla compagnia nel caso in cui venga ceduto anche il contratto di assicurazione così da consentire alla stessa di emettere nuovo certificato intestato al nuovo proprietario del veicolo.
Quanto alle conseguenze di un'eventuale omissione di comunicazione, il caso non è regolato dalla norma e, pertanto, qualche riferimento potrebbe ricavarsi dalle condizioni generali e particolari di polizza; in assenza di pattuizioni sul punto, peraltro, il rischio di una rivalsa (presumibilmente nei soli confronti del nuovo proprietario) da parte della compagnia per danni pagati (che rappresenta rischio ben maggiore rispetto a quello più limitato di vedersi richiedere un'ipotetica eccedenza di premio), è concreto.
Infine, sarebbe utile verificare se questione analoga sia già stata risolta dai giudici ed in che termini; una breve ricerca da noi effettuata (questa sede non ci consente particolari approfondimenti su questioni osì specifiche) non ha dato tuttavia alcun esito.
Cordiali saluti.
Avvocato Codacons Torino: C.so G. Matteotti, 57 - 10121 - Tel. e Fax 0115069219

www.codacons.piemonte.it
Avatar utente
maigret
Avv. Codacons
 
Messaggi: 654
Iscritto il: ven 2 dic 2005, 14:28
Località: Torino


Torna a Rc-auto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite