Pagina 1 di 1

Annullamento polizza

MessaggioInviato: ven 14 mag 2010, 11:57
da Gianni
Buongiorno a tutti, scrivo su questo forum per esporre una problematica.
Sono titolare di una polizza RC per motoveicolo stipulata nel maggio 2009 con la societa' A, con possibilita' da contratto di sospensione. Ho utilizzato la copertura assicurativa fino a settembre 2009, dopodichè ho sospeso la polizza perchè si era a ridosso della stagione invernale.
A gennaio 2010 è subentrata una nuova societa' B che ha assorbito la A, accollandosi (A LORO TITOLO) doveri e obblighi.
Questa mattina mi sono recato in agenzia per la riattivazione della polizza e qui mi sono trovato la sorpresa; la nuova societa' obbliga ad annullare il vecchio contratto, IMPONENDO le seguenti condizioni:
1) rimborso del rateo di premio non goduto;
2)annullamento della vecchia polizza e stipula di un nuovo contratto.

Il problema nasce dal fatto che annullando il vecchio contratto vengo a perdere la classe di merito che avrei maturato tra pochi mesi, e in piu' stipulerei un contratto con condizioni di sconto notevolmente ridotte.
Vorrei sapere se è lecito un obbligo del genere, in quanto era stato firmato un contratto da entrambe le parti a determinate condizioni.

In piu', per rendere valido l'annullamento e il rimborso, viene proposto un modulo dove firmando si accetta che "Il Contraente e la Societa' convengono di comune accordo a risolvere anticipatamente il contratto";
Quindi mettendo la firma per l'accettazione del rimborso, accetterei anche di perdere la classe di merito maturata durante il periodo di validita' della polizza.

Questa è serieta'? e soprattutto perche' queste cose sono concesse?
Grazie.
Gianni

Re: Annullamento polizza

MessaggioInviato: ven 14 mag 2010, 16:13
da maigret
Gentile consumatore,
non ci pare contestabile il Suo diritto a mantenere in essere il contratto alle condizioni di polizza pattuite, tuttora valide e vincolanti tra le parti sino alla scadenza del contratto. Eventuali modifiche tariffarie andranno comunicate prima della scadenza del contratto stesso e nel termine qui convenuto fermo restando la disciplina sul diritto di recesso contenuta nell'art. 172 del codice delle assicurazioni che riportiamo:
Art. 172.
(Diritto di recesso)

1. In caso di variazioni tariffarie, escluse quelle connesse all'applicazione di regole evolutive nelle varie formule tariffarie, superiori al tasso programmato di inflazione, il contraente può recedere dall’assicurazione mediante comunicazione da effettuarsi con raccomandata con avviso di ricevimento o consegnata a mano, ovvero a mezzo telefax, inviati alla sede dell'impresa o all’intermediario presso il quale è stata stipulata la polizza entro il giorno di scadenza del contratto. In tal caso non si applica a favore del contraente il termine di tolleranza previsto dall'articolo 1901, secondo comma, del codice civile.
2. Fatto salvo quanto previsto dal comma 1, la disdetta del contratto è inviata a mezzo telefax o raccomandata almeno quindici giorni prima della data di scadenza indicata nella polizza.
3. Le disposizioni del presente articolo sono derogabili esclusivamente in senso più favorevole al contraente.

Le suggeriamo, pertanto, di insistere per il mantenimento della polizza alle condizioni in essere. Laddove la compagnia non intenda aderire La invitiamo ad inoltrare una segnalazione all'ISVAP e all'ANIA sottoponendo loro il problema (pregandoLa poi di inviarci copia della risposta ottenuta).
Cordiali saluti.

Re: Annullamento polizza

MessaggioInviato: sab 15 mag 2010, 12:17
da Gianni
La ringrazio per la consulenza, inoltrero' la questione in quanto la societa' assicurativa mi ha gia' comunicato che la soluzione propostami è l'unica (per loro) attuabile.
Saluti