Pagina 1 di 1

Ritardo nell'effettuare la perizia

MessaggioInviato: mer 6 ago 2008, 18:09
da marandillo
Buongiorno,
il 15 maggio 2008 sono stato coinvolto in un incidente con ragione.
Niente di serio a parte i danni alla vettura stimati in 4.000,00 € circa.
Firmiamo il CID sull´evidenza dei fatti (io con ragione e l´altro con torto) e portiamo tutto alle rispettive compagnie.
Il 09 giugno 2008 un perito (ragazzino) incaricato dall´assicurazione fa la sua perizia, ma non del tutto convinto, chiede una controperizia sull'altra vettura.
Intanto passano le settimane senza sapere nulla.
Il 23 giugno 2008 il perito (ragazzino, inesperto e un pò timoroso) esegue la contro-perizia sull´altra macchina.
Il 01 luglio telefono nella sede di Milano e parlo con il liquidatore il quale mi dice che non ha ancora ricevuto l´esito della contro-perizia.
Sabato 12 luglio 2008, ricevo una lettera dalla mia assicurazione dove mi comunicano: "non ci è possibile dar corso ad alcuna liquidazione tecnicamente sostenibile relativa al sinistro in oggetto".
Ad oggi, dopo aver contattato le due compagnie di assicurazioni, si lanciano la palla dicendomi "faccia subito causa all'altra compagnia".
Faccio l´Agente immobiliare e il mio principale strumento di lavoro è proprio la macchina.
Oltretutto il mio carrozziere chiude per ferie il prossimo sabato e fino alla prima settimana di settembre non riapre. E le mie ferie che avevo programmato da mesi?
E´ possibile che promuovano tanto la compilazione dei CID per sveltire le pratiche e poi ti fanno aspettare più di due mesi?
Posso chiedere dei danni? E soprattutto a chi?

Grazie, Paolo

Re: Ritardo nell'effettuare la perizia

MessaggioInviato: ven 8 ago 2008, 17:51
da maigret
Gentile consumatore,
in merito a quanto da Lei evidenziato precisiamo intanto che le nuove procedure di liquidazione dei danni derivanti da sinistri stradali sono regolate dagli articoli 143 e ss. del codice delle assicurazioni.
Nonostante l'introduzione generalizzata della procedura di indennizzo diretto molte sentenze successive a tali norme, hanno ritenuto che il danneggiato mantenga, oltre all'azione nei confronti della propria assicurazione, quella nei confronti dell'assicurazione del responsabile. Entrambe le azioni giudiziali, tuttavia, devono essere necessariamente precedute dall'invio di una richiesta di risarcimento il cui contenuto è fissato nelle norme sopra richiamate; pertanto, posto che per l'avvio di una causa dovrà necessariamente farsi assistere da un avvocato (al quale Le suggeriamo di rivolgersi al più presto) sarà questi a valutare nei confronti di quali soggetti intraprendere l'azione e a curare preliminarmente l'invio della predetta richiesta risarcitoria.
Cordiali saluti.