FORUM CODACONS PIEMONTE

Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

 

FORUM CODACONS PIEMONTE

 


Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori

 

Perdita cappotto della lavanderia.

Qui i consumatori, gli utenti, i cittadini potranno discutere, confrontarsi, approfondire, informare e informarsi sugli argomenti e le materie di maggior interesse ed attualità, non contemplate, nei forum e relative sezioni, sottostanti.

Perdita cappotto della lavanderia.

Messaggioda stechi » lun 27 nov 2006, 11:25

Buongiorno, scrivo di seguito quanto m'è successo per avere un vostro riscontro se è possibile fare causa alla lavanderia.

In data 8 aprile 2006 ho consegnato uan serie di capi invernali, tra cui un cappotto da uomo di lana, in tintoria.

La bolla di consegna recava come data di ritiro "fine mese". Nonostante reiterate richieste e sollecitazioni in merito alla consegna dei capi i medesimi mi sono stati restituiti solo a fine settembre, con esclusione del cappotto che risultava misteriosamente sparito.

Dopo ripetute sollecitazioni a fine ottobre la proprietaria della tintoria, non essendo in grado di dirmi che fine avesse fatto il cappotto mi disse che avrebbe rimborsato il costo di un nuovo cappotto.

In data 3 novembre 2006 provvedevo all'acquisto di un nuovo cappotto (costo di 289 euro) e consegnavo lo scontrino alla proprietaria della tintoria che mi garantìil rimborso nel giro di una decina di giorni.

Il 14 novembre il cappotto è misteriosamente ricomparso e la tintoria si rifiuta di rimborsarci dicendoci che l’assicurazione considerava perso un capo non consegnato entro 6 mesi. Come si vede dalle date in questo caso i 6 mesi erano passati abbondantemente.

Conclusione: Noi abbiamo la ricevuta di consegna del cappotto, quella di restituzione e lo scontrino di un cappotto comprato nuovo (cappotto che non sarebbe stato comprato in caso di restituzione in tempo utile del mio cappotto).

La mia domanda è:”E’ possibile far ricorso alla tintora in modo che mi venga rimborsato un cappotto che non avrei comprato?”
stechi
Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: lun 27 nov 2006, 11:22

Messaggioda nerowolf » mar 28 nov 2006, 13:01

Egr. signore,
In merito al problema che ci ha segnalato, possiamo sotanto dirle che in generale i titolari della lavanderia hanno un obbligo contrattuale di custodia e perciò rispondono per lo smarrimento dei capi loro affidati per la pulitura. In caso di temporaneo smarrimento, noi consigliamo di concedere al tintore (meglio se con lettera scritta inviata con raccomandata) un termine congruo - dicoamo 5 massimo 10 giorni - scaduto il quale il capo si intenderà definitivamente smarrito, con conseguente risoluzione del contratto per quanti concerne l'obbligo contrattuale di restituzione del capo medesimo, obbligo che viene così sostituito da quello di risarcimento in forma specifica a favore del proprietario per la somma corrispondente al valore corrente del bene perduto, determinato secondo i prezzi di mercato di un bene avente caratteristiche identiche o comunque il più possibile similari a quello smarrito. Per poter analizzare compiutamente il suo caso specifico, sarebbebe opportuno approfondire alcuni aspetti della vicenda, cosa che per mail non ci è possibile fare. Se lo riterrà, potrà fissare un appuntamento in sede con uno dei nostri legali telefonando in associazione, previa iscrizione alla stessa.
Cordiali saluti
Avatar utente
nerowolf
Avv. Codacons
 
Messaggi: 138
Iscritto il: ven 2 dic 2005, 14:29
Località: Torino


Torna a Aree Tematiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite